Home > RECENSIONI > Emic USB

Emic USB

Posta Vocale e Dittafono Digitale

emic_idx

MESSA IN OPERA

La periferica è contenuta in una confezione di plastica trasparente. All’interno troviamo Emic, il manuale di istruzioni e il CD di installazione (in formato mini). L’alimentazione viene fornita dalla porta USB, quindi non ci sono batterie.
Il dispositivo è di tipo Plug and Play, si installa automaticamente non appena viene inserito nella porta USB. Viene riconosciuto come "periferica USB composita" denominata UAC3556B. A questo punto il microfono è già funzionante, ma per sfruttare appieno le sue caratteristiche occorre installare il software.
 

Il CD di installazione si avvia in automatico; se ciò non avviene occorre fare doppio clic sul file EMicMonitor USB Setup.exe contenuto nel CD. In Windows XP, viene generato un avvertimento per driver non certificato: cliccare su "Continua" senza problemi. A un certo punto il programma di installazione permette di aprire le proprietà audio del Pannello di controllo e di  settare manualmente la periferica di riproduzione dell’audio. Occorre modificare questa periferica  e selezionare la scheda audio del PC invece del chip UAC3556B.
Al termine dell’installazione, il programma propone un test per regolare la sensibilità del microfono. Contemporaneamente viene segnalata la presenza di aggiornamenti on-line. Vi consiglio di lasciare al massimo la sensibilità e di effettuare l’aggiornamento in un secondo momento. La fase finale prevede un test per verificare il funzionamento dei due pulsanti programmabili.

 

Anche se non richiesto, è bene riavviare il Sistema. Al riavvio, una nuova icona è presente accanto all’orologio: facendoci clic, si apre il pannello di gestione del microfono e dei documenti vocali.

AGGIORNAMENTO SOFTWARE

Tutti i prodotti "seri" propongono aggiornamenti software, per risolvere gli inevitabili "bug" riscontrati dagli utenti e per velocizzare le prestazioni dei prodotti. Emic non fa eccezione.
Al link http://www.gmb.nl/emic/emic.htm si può scaricare l’ultima versione del programma, facendo clic su EMIC-USB monitor. Dopo aver scompattato il pacchetto, si fa doppio clic sul file EMicMonitor_USB_Setup.exe. Occorre rispondere OK per disinstallare la vecchia versione del software e accettare i driver di periferica non certificati. L’aggiornamento rende più semplice la modifica della periferica audio di riproduzione, facendo clic su "Restore". Viene anche risolto un bug sulla selezione del formato audio, che permette la compressione in mp3 solo per le mail vocali. Dopo l’installazione dell’aggiornamento occorre riavviare il PC.
 

FOCUS SU MP3

Il nostro assistente vocale può registrare l’audio in due formati: mp3 e wav. La differenza più evidente è che un file wav occupa molto spazio rispetto ad un mp3. Il formato wav (contrazione di wave, onda) è nativo dei sistemi Windows. Si tratta di un audio PCM (pulse code modulation) senza compressione: un minuto di audio con qualità CD occupa circa 5 Mb su disco.
Il formato MP3 (contrazione di MPEG 1 – Layer 3) è invece audio compresso, frutto delle ricerche sulla "codifica psicoacustica dei segnali". In pratica vengono memorizzate solo le componenti del suono realmente percepite dal nostro orecchio, analizzando i segnali con modelli matematici. Come risultato finale un suono di un minuto con qualità CD occupa solo 450 Kb (con un rapporto di compressione di 1 a 11 rispetto al PCM). La compressione migliora ancora se registriamo solo la voce, che occupa una minore banda di frequenze audio (da 2000 a 8000 Hz). Per operare questa magia sui suoni, si usano appositi software di analisi e codifica del segnale, chiamati "encoder", che generano il file MP3 a partire dall’audio PCM non compresso. Esistono numerosi encoder, tra questi il L.A.M.E. (usato da Emic USB) è uno dei migliori in termini di qualità e velocità di codifica. E’ importante notare come la dimensione finale di un MP3 non è legata solo al tempo di registrazione: a parità di durata, un parlato recitativo (ricco di sfumature e di variazioni di intensità), occupa più spazio rispetto alla lettura di una lettera commerciale (tono costante e scarse variazioni di intensità).

Per chi desidera approfondire l’argomento della codifica e compressione, con particolare riferimento al video, consiglio la lettura del libro "Dal DVD al CD con un clic".

COME SI USA

Il bello di Emic è la sua estrema semplicità d’uso. Il pulsante di registrazione (simbolo della cassetta audio) è del tipo acceso/spento. Si attiva con un clic e inizia a registrare, con un altro clic termina la registrazione. Il pulsante della posta vocale (busta da lettera) registra finchè si tiene premuto e quando si rilascia apre la e-mail con allegato audio già inserito.
Le funzioni dei pulsanti sono programmabili, si può anche disattivare un pulsante settandolo su "Undefined". Le varie sezioni del Pannello di comando, sono divise in modo chiaro e non presentano complicazioni.

 

CANCELLAZIONE DEL RUMORE E RICONOSCIMENTO VOCALE

Il microfono ha una levetta posta sul bordo esterno che serve a selezionarne la direttività. Per registrare suoni ed allegati vocali, conviene usare la posizione "omnidirezionale", che registra bene anche a distanza di 50 cm dall’utente.
Per il riconoscimento vocale occorre spostare la levetta sulla posizione "direttivo". In questo modo vengono schermati i suoni laterali, a tutto vantaggio della pulizia dell’audio. I migliori risultati si ottengono con il microfono in asse rispetto alla bocca, a circa 15 cm di distanza. Chi è interessato alla configurazione dei servizi di riconoscimento vocale e vuole approfondire l’argomento, può consultare il mio articolo "Windows XP e la sintesi vocale", pubblicato su Tom’s Hardware Guide Italia, al seguente link
http://www.tomshw.it/software.php?guide=20040607
Una trattazione più completa è contenuta nel volume Windows XP Service Pack 2 alla massima potenza ( http://www.marcodesalvo.it/books.htm ).

CONCLUSIONI

Questo accessorio per PC si discosta nettamente dai numerosi microfoni giocattolo venduti per pochi euro. Si tratta di un microfono attivo a condensatore, alimentato dalla porta USB, con un’ottima risposta in frequenza e una buona schermatura dai rumori di fondo. Al suo interno il chip UAC3556B effettua la conversione analogico/digitale del segnale e fornisce al PC un flusso di dati pronto all’uso, senza bisogno di schede audio. La registrazione e la posta vocale si attivano premendo due soli pulsanti, i documenti audio vengono gestititi in modo semplice ed intuitivo. Se vogliamo dare voce al nostro lavoro, Emic USB è una soluzione vincente.

Ringrazio Nicoshop per il campione di test e vi rimando al link diretto per Emic USB:
http://www.nicoshop.com/cat071.html

Translation


Cerca nel Blog

Loading
  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...