Home > NEWS > Google Simple

Google Simple

il linguaggio semplice per programmare Android

 

Tetris

Si tratta di un progetto in fase sperimentale creato nella fucina di idee di Google Labs, ma questo linguaggio di programmazione semplificato potrebbe avere sviluppi interessanti. Simile al linguaggio BASIC, che molti di voi ricorderanno come il primo approccio alla programmazione, Simple è un modo per esplorare le potenzialità della piattaforma Android, alla portata di tutti.

Per programmare in Simple, occorrono il Compilatore e il Runtime, entrambi disponibili sul sito di Gogle Labs al seguente indirizzo:

http://code.google.com/p/simple/

Il compilatore serve per trasformare la nostra scrittura di istruzioni ( il cosiddetto listato o codice sorgente ) in un linguaggio vicino alla comprensione del computer (in questo caso uno smartphone o altro dispositivo Android).

Il runtime è un programma o una serie di programmi che servono a pilotare l’hardware del dispositivo, sulla base delle istruzioni fornite dal compilatore. In molti casi l’esecuzione di un programma viene svolta in una Virtual Machine, cioè in un programma che rende più sicura l’esecuzione del codice compilato. Un esempio noto a tutti è la Virtual Machine di Java.

 

Infatti questo linguaggio “gira” sotto Java, con Android SDK. Una guida semplice per installare l’ambiente di sviluppo Simple la trovate al seguente link, dove sono specificati i requisiti di sistema e i riferimenti per programmare:

http://code.google.com/p/simple/wiki/HowToWriteASimpleApplication

La versione attuale di Simple è limitata nelle funzioni, ma si riesce già ad apprezzare una elevata produttività con poche linee di codice. Gli esempi sono disponibili a questo link.
Qui sotto vi riporto il listato di EtchSketch, che usa il sensore di accelerazione del dispositivo:

‘ Copyright 2009 Google Inc.

‘ Licensed under the Apache License, Version 2.0 (the “License”);

‘ you may not use this file except in compliance with the License.

‘ You may obtain a copy of the License at

‘      http://www.apache.org/licenses/LICENSE-2.0

‘ Unless required by applicable law or agreed to in writing, software

‘ distributed under the License is distributed on an “AS IS” BASIS,

‘ WITHOUT WARRANTIES OR CONDITIONS OF ANY KIND, either express or implied.

‘ See the License for the specific language governing permissions and

‘ limitations under the License.

Dim x As Integer

Dim y As Integer

Event OrientationSensor1.OrientationChanged(yaw As Single, pitch As Single, roll As Single)

If roll < -20 Then

x = Math.Min(Canvas1.Width, x + 1)

ElseIf roll > 20 Then

x = Math.Max(0, x – 1)

End If

If pitch < -20 Then

y = Math.Min(Canvas1.Height, y + 1)

ElseIf pitch > 20 Then

y = Math.Max(0, y – 1)

End If

Canvas1.DrawPoint(x, y)

End Event

Event EtchSketch.Initialize()

x = Canvas1.Width / 2

y = Canvas1.Height / 2

End Event

Event AccelerometerSensor1.Shaking()

Canvas1.Clear()

End Event

$Properties

$Source $Form

$Define EtchSketch $As Form

Layout = 3

BackgroundColor = &HFFFFFFFF

Title = “EtchSketch: Tilt to draw – Shake to clear”

$Define Canvas1 $As Canvas

$End $Define

$Define OrientationSensor1 $As OrientationSensor

$End $Define

$Define AccelerometerSensor1 $As AccelerometerSensor

$End $Define

$End $Define

$End $Properties

La semplicità del linguaggio non deve far pensare a un sistema limitato. Simple ha infatti tutti gli elementi per essere esteso e migliorato, con il supporto alla programmazione di Oggetti e una sintassi completa per gestire Componenti aggiuntivi, con l’uso di Java. Questo significa che potranno essere rilasciati nuovi mattoncini da inserire nei propri programmi Simple, mantenendo una comprensione del codice alla portata dei meno esperti.

Le applicazioni Simple possono essere firmate digitalmente e vendute su Google Android Market e questo contribuirà non poco alla diffusione dei programmatori “semplici”.

Translation


Cerca nel Blog

Loading
  1. 1 novembre 2009 a 23:11 | #1

    Ottimi link per partire a programmare Android!

  1. 15 agosto 2009 a 16:07 | #1
  2. 15 settembre 2009 a 11:18 | #2
  3. 15 settembre 2009 a 11:27 | #3
  4. 11 maggio 2010 a 11:01 | #4