Archivio

Posts Tagged ‘computer’

Navighiamo senza attese con Ghostery

4 aprile 2014 Nessun commento

In un mondo globalizzato dove Internet rappresenta ormai una quota rilevante del PIL, assistiamo alla corsa del business sul web. Tra le varie forme di guadagno a disposizione dei creatori di contenuti, la più gettonata è la pubblicità “contestuale”, sotto forma di annunci, popup, video, ecc. che stanno diventando sempre più invasivi e rallentano in modo considerevole qualsiasi sito web. Ma accanto a ciò che si vede, le pubblicità appunto, sono presenti moltissimi strumenti “invisibili” che cercano in tutti i modi di “tracciare” le nostre abitudini di navigazione, in modo da creare un “profilo” di ogni utente che visita un determinato sito.

Il tracciamento viene fatto con i cookie oppure con una serie di “script”, pezzi di codice che viene interpretato dal browser e che fornisce informazioni varie sulla nostra posizione geografica, sul nostro internet provider, eccetera.

Il risultato di questa corsa senza regole è un consistente rallentamento nella navigazione, che vanifica il miglioramento della velocità delle moderne reti e annulla tutti i vantaggi di immediatezza nella fruizione dei contenuti che tutti i cittadini globalizzati si aspettano.

A scanso di equivoci desidero chiarire che non tutti gli script di tracking sono dannosi e non tutti i cookie sono dannosi. Questi due strumenti, gli script e i cookie, sono alla base di molti ultilissimi servizi, che facilitano la navigazione degli utenti e migliorano la loro esperienza di lettura, in molti casi anzi la velocizzano.

Un sito web progettato bene, usa in modo equilibrato gli strumenti di tracking e in modo non invasivo gli strumenti di advertising. Viceversa un sito web fatto col solo intento di “monetizzare” usa in modo massiccio tutti gli strumenti per attirare l’utente verso pubblicità o link esterni sponsorizzati, oltre a cercare di tracciare il più possibile le caratteristiche del visitatore.

 

Ghostery, la soluzione

Ci sono numerosi strumenti per bloccare (se vogliamo fare i sofisticati diremo “filtrare”) gli elementi dannosi per la nostra navigazione. I più interessanti sono i “plug-in” o “componenti aggiuntivi” che si installano nel browser e appaiono nelle barre di navigazione. Ghostery è senza dubbio uno dei più efficaci, disponibile per diversi browser. Come plug-in è disponibile in Firefox, Chrome e Internet Explorer, mentre su iOS è disponibile come applicazione autonoma.

Per installarlo si scarica dalla pagina https://www.ghostery.com facendo clic sul pulsante “Download”. Nella versione per Firefox dopo averlo installato, si presenta così:

Il funzionamento di Ghostery è molto semplice, grazie ad una comoda interfaccia grafica, completata da un “pannello di controllo” web, una pagina in cui è possibile configurare le caratteristiche del sistema di filtraggio.

Quando navighiamo su un sito web, il fantasmino di Ghostery, ci segnala il numero di tracker (cioè di elementi che potenzialmente rallentano la navigazione) e ci da la possbilità di bloccarli selettivamente.

In questo caso ci sono ben 12 tracker che stanno lavorando sul mio browser e che possono rallentare la navigazione. L’interfaccia semplicissima, che si apre facendo clic sul fantasmino, mi permette di selezionare quali tracker voglio bloccare o consentire. Posso anche cliccare sul segno di spunta e consentire sempre un certo traker sul sito che sto visitando. E posso mettere in “lista bianca” tutti i siti che non desidero filtrare. A questo si aggiunge il pulsante “Sospendi blocco” che mi disattiva temporaneamente il filtro.

Facendo clic sul simbolo dell’ingranaggio, si accede a una serie di pulsanti tra cui il pulsante”Opzioni”. Questo pulsante ci collega alla pagina web di gestione del sistema, in cui possiamo vedere i trackers bloccati e impostare l’aggiornamento automatico del sistema di filtraggio.

Consigliabile attivare il GhostRank e l’Aggiornamento automatico della libreria dei trackers. Nella sezione “Opzioni di blocco” si può arrivare al dettaglio dei singoli trackers e dei vari tipi di cookie che vogliamo bloccare o analizzare.

Per ogni esigenza è disponibile un ottimo sistema di FAQ https://www.ghostery.com/faq e una comunità di supporto in rapida espansione https://getsatisfaction.com/ghostery. Ghostery è presente anche su Facebook all’indirizzo https://www.facebook.com/ghostery su twitter all’indirizzo https://twitter.com/Ghostery e su Google+ all’indirizzo https://plus.google.com/+ghostery/posts.

 

Conclusioni

Ghostery rappresenta senza dubbio un buon sistema per liberare la nostra navigazione dalle esasperanti attese di molti siti web. Ma la vera soluzione dovrebbe essere nel regolamentare la giungla di sript che ormai invadono senza sosta i browser Internet.

Una proposta per dare un contributo in tal senso potrebbe essere la crezione di una “classifica dei siti web più invasivi” in modo da mettere in evidenza tutte le pratiche dannose che mettono in secondo piano la fruizione dei contenuti e rovinano la “user experience” di milioni di utenti. Per la televisione queste regole esistono. Sarebbe ora di introdurle per il web. Che ne pensate?

Pegasus Mobile Notetaker

28 luglio 2009 Nessun commento

note_idx_sm

 

La scatola illustra a colpo d’occhio una tipica situazione di uso del dispositivo, in aereo. Al suo interno ci sono tutti i componenti del sistema: Il sensore di posizione e visualizzatore di scrittura (RICEVITORE), la penna elettronica (TRASMETTITORE), la cartuccia di inchiostro, il cavetto USB per la connessione al PC, le batterie, i CD con i driver e i programmi di gestione, una guida rapida per la messa in opera del sistema.

 

Per usare il Mobile NoteTaker non serve il computer. Grazie al display a cristalli liquidi presente sul Ricevitore, si può guardare l’immagine digitale di ciò che scriviamo, con funzioni di zoom e spostamento dinamico. Cinque pulsanti di navigazione e cinque pulsanti “virtuali” programmabili, controllano le funzioni di acquisizione della scrittura e gestione dei degli appunti digitali.Il Ricevitore è dotato di una memoria interna che memorizza tutti gli appunti a mano libera.

Una caratteristica che rende molto versatile il Mobile NoteTaker è la scrittura su carta comune. Si possono usare tutti i tipi di carta o cartoncino, anche colorati o prestampati (ad esempio block notes). Il foglio di carta può avere formato massimo A4 (210 mm x 297 mm), ma naturalmente può essere più piccolo. Vanno bene anche disegni o fotografie, che possono essere usati per digitalizzare a ricalco.

 

MESSA IN OPERA

La prima cosa da fare è inserire le batterie nel Ricevitore e nella Penna elettronica. I tipi di batterie usati sono AAA (ministilo) per il Ricevitore e SR41 (pila all’ossido di argento, molto usata in orologeria) per la Penna.
L’inserimento delle pile non presenta difficoltà particolari. Occorre fare attenzione a rispettare la giusta polarità, come indicato nei vani batteria e sulla guida rapida. Il Ricevitore ha un coperchio che si sfila con una leggera pressione. Per la penna occorre svitare il tappo posteriore e richiuderlo senza serrare troppo.
Dopo aver inserito le pile si spinge la cartuccia di inchiostro nella parte anteriore della penna, fino in fondo ma senza forzare. La cartuccia è un refill che si trova facilmente in commercio, per rimuoverla si usa l’estrattore montato sul tappo della penna.
Per accendere il Ricevitore, si tiene premuto per due secondi il pulsante On/Off. Lo stesso per spegnerlo. Dopo aver impostato la data e l’ora, il sistema è pronto.

Non occorre nessuna calibrazione. Serve solo un foglio di carta comune, da fissare nelle ganasce del Ricevitore. Per scrivere occorre premere sul foglio la punta della penna, in modo da attivare la trasmissione degli impulsi. Il display LCD monocromatico, fornisce un feedback immediato della scrittura con ottima precisione.

Per avere un riconoscimento del tratto preciso, occorre esercitare una pressione costante e naturale sul foglio. Non serve premere
con forza.

COME FUNZIONA

La Penna Elettronica trasmette impulsi al dispositivo di acquisizione (Ricevitore). Grazie ad un sofisticato sistema ad ultrasuoni, gli impulsi vengono convertiti in posizione sul foglio e codificati in formato digitale. Questo processo avviene in tempo reale, quindi è possibile scrivere in modo naturale anche rapidamente. La precisione del tracciamento è di 100 dpi (punti per pollice), pari a 254 punti per centimetro, un valore molto elevato che garantisce una notevole fedeltà di riproduzione del tratto di inchiostro.

Il sistema di rilevamento non viene influenzato dalle interferenze radio e risulta molto affidabile in qualsiasi condizione d’uso, anche se il foglio
viene inclinato. L’attivazione della Penna avviene solo quando è premuta sul foglio, questo garantisce una notevole autonomia delle batterie.
Anche il Ricevitore ha un sistema di risparmio energetico, che lo spegne dopo alcuni minuti di inattività.

 

MODI DI FUNZIONAMENTO: MOBILE E CONNESSO

Il Mobile NoteTaker può funzionare senza connessione al computer oppure essere collegato al PC tramite interfaccia USB. In modalità Mobile
tutte le funzioni vengono gestite con i pulsanti di navigazione e virtuali. Per attivare un pulsante virtuale, si preme la Penna nel foro
corrispondente. Un lampeggio rosso, conferma la selezione. Tutti gli appunti vengono marcati con data e ora e memorizzati con un numero progressivo. La memoria del dispositivo può contenere fino a 50 pagine di scrittura, che
possono essere visualizzate sul display LCD. Il contrasto del display può essere regolato per garantire una visualizzazione ottimale.
I menu di navigazione e configurazione sono comprensibili e sono disponibili in numerose lingue.

Quando si connette al PC, il Mobile NoteTaker funziona in modalità Connessa. Gli appunti digitali vengono scaricati automaticamente nel programma
di gestione Note Manager e possono essere cancellati dalla memoria del Ricevitore. In modalità Connessa si può attivare il riconoscimento della scrittura
e disegnare direttamente su computer. Il programma MyScript Notes attiva un clipboard virtuale che funziona come un foglio di carta sul monitor. Tutto ciò che viene scritto può essere salvato, modificato, e può essere attivato il riconoscimento della scrittura a partire dal testo digitalizzato.
I documenti importati in MyScript Notes possono essere convertiti in vari formati, tra cui il Rich Text e il formato nativo di Word.

E’ importante selezionare il linguaggio adatto per il riconoscimento. Questo migliora molto la precisione perché vengono usati algoritmi che si adattano al modo di scrivere e concatenare le parole per il determinato linguaggio.

 

La modalità Connessa, permette anche modificare le impostazioni del Ricevitore e dei tasti virtuali e di programmarli, ad esempio, per l’invio automatico di una E-mail
con il documento scritto a mano.

INTEGRAZIONE CON OFFICE

Una caratteristica di rilievo del Mobile NoteTaker è la possibilità di scrivere direttamente nei documenti Microsoft Office.
Dopo avere installato il software Annotator, una nuova barra degli strumenti appare nei programmi della Suite Office. Per scrivere con la Penna Elettronica, si seleziona Ink On con il mouse. Si posiziona il cursore nella zona in cui si vuole scrivere e poi si scrive sul foglio di carta del Mobile NoteTaker. Tutto ciò che si scrive viene tracciato nel documento corrente.
La possibilità di inserire schizzi a mano libera in un documento Word, in un messaggio di posta elettronica di Outlook, nelle slide di PowerPoint, rendono molto creativo
lo scambio di informazioni.
In più, il Mobile NoteTaker può essere integrato in OneNote, l’applicazione Microsoft per organizzare gli appunti. La versatilità di questa soluzione
dimostra l’ottimo livello di integrazione raggiunto da Pegasus.
Un’altro software incluso nei CD di installazione, il Pen2text, permette di trasformare la scrittura a mano libera, in testo Word, utilizzando
il sistema di input nativo di Microsoft.

INSTALLAZIONE DEL SOFTWARE

Per usare il Mobile Note Taker connesso al PC è necessario installare il software di controllo contenuto nel disco Pegasus Software Suite (colore blu). L’installazione è automatica, si inserisce il disco e si seguono le indicazioni. Viene chiesto di collegare il cavetto USB del dispositivo di acquisizione al computer e in pochi minuti tutto è pronto.
All’interno del CD sono presenti il Note Manager, che organizza le note memorizzate nel dispositivo mobile, il Pen2Text e il software Annotator, che permette di integrare le funzioni di scrittura digitale, nei prodotti Microsoft Office.

Il secondo CD (colore giallo) contiene la versione aggiornata di MyScript Notes, il programma di gestione avanzata della scrittura e delle immagini. Questo programma converte la scrittura a mano libera in documenti di testo e riesce anche a riconoscere le forme e a convertirle in grafici vettoriali.

I manuali on-line in formato
Acrobat, sono ricchi di infromazioni e guidano passo
passo l’utente in tutte le operazioni di uso dei
programmi.

 

Per eseguire l’installazione automatica è necessario avere la funzione Autoplay attiva.
E’ importante NON collegare il cavetto USB del Mobile Note Taker, prima di avere installato il software. Gli automatismi di Windows, potrebbero impedire la corretta configurazione dei driver necessari. Il cavetto va collegato quando richiesto dal programma di installazione.

 

L’AZIENDA PEGASUS

Pegasus Technologies Ltd è leader mondiale nei sistemi di input basati sulla scrittura a mano libera. La tecnologia usata nel Mobile NoteTaker, viene usata per controllare computer, PDA, telefoni cellulari in numerosi campi di applicazione. Tutti i prodotti Pegasus sono disponibili sia come accessori separati che come parti elettroniche da integrare nei dispositivi. I computer del futuro avranno tra le loro periferiche, un sistema per riconoscere il tratto e la scrittura. La ricerca di Pegasus procede in questa direzione.

La tecnologia di tracking della scrittura, può essere integrata in qualsiasi applicazione Windows, grazie al kit di sviluppo reso disponibile sul sito di Pegasus.
Il link diretto è:
http://www.pegatech.com/Articles/Article.asp?ArticleID=64&CategoryID=88

CONCLUSIONI

Le idee, le bozze, gli schizzi, gli appunti, nascono e nasceranno ancora per molto tempo su carta. Mobile NoteTaker è un dispositivo per non rinunciare al piacere della scrittura a mano libera, ovunque noi siamo, senza perdere i vantaggi dell’elaborazione digitale.

Di seguito alcuni link utili:

Homepage di Pegasus:
http://www.pegatech.com/

Link diretto per Mobile NoteTaker:
http://www.pegatech.com/Articles/Article.asp?ArticleID=81&CategoryID=98

Supporto tecnico, aggiornamenti software e documenti:
http://www.pegatech.com/TechSupport/TechSupport.asp?CategoryID=11

Windows XP alla massima potenza

28 luglio 2009 Nessun commento

cover_xp_idx

Windows XP alla massima potenza
Titolo
Editore
Autore
Prefazione
Pagine
ISBN
Livello
Data Pubblic.
Windows XP alla massima potenza
Mondadori Informatica
Pino Bruno, Marco de Salvo
Francesco Balena
200
88-04-52492-8
Per Tutti
ottobre 2003

 

INDICE COPERTINA
- Prefazione
- Prima di cominciare
- Cap. 1 Per fare eXPerienza
- Cap. 2 Registro di sistema e programmi di soccorso
- Cap. 3 Come installare il sistema per non avere problemi
- Cap. 4 Personalizzare il sistema senza intervenire sul Registro
- Cap. 5 Mettere mano al Registro
- Cap. 6 Quante eXPerienze!
- Cap. 7 Windows ed il Wi-Fi
- Cap. 8 Conclusioni, ovvero cosa ci aspetta dopo XP
- Biografia degli autori
- Indice analitico
Dagli autori del bestseller Dal DVD al CD con un clic un libro che vi aiuta ad andare oltre gli automatismi di Windows XP per renderlo duttile e ancora più potente! Preparatevi a vivere una nuova eXPerienza con questo sistema operativo, il più straordinario oggi a disposizione. Una miniera inesplorata, le cui risorse possono essere sapientemente utilizzate per ottenere il massimo rendimento, per lavorare, studiare o giocare. Scoprite come si può intervenire – senza fare danni – sul funzionamento del computer per massimizzare le prestazioni di Windows XP. Gli autori propongono due percorsi di personalizzazione. Il primo è una guida alla comprensione del funzionamento di XP e propone le modifiche più semplici. Il secondo itinerario è dedicato agli interventi sul registro di configurazione, per spingersi fino al cuore del sistema. Il tutto all’insegna della sicurezza e dell’accessibilità. Numerose illustrazioni facilitano la comprensione delle operazioni da eseguire.

 

PREFAZIONE (Francesco Balena) CONTENUTI
(…)Il bello di “Windows XP alla massima potenza” è di poter essere letto di filato dalla prima all’ultima pagina, oppure saltando tra i capitoli che più interessano, o ancora tenerlo vicino in attesa di un problema da risolvere. (…) Lo stile di questo libro, che lo differenzia da qualsiasi altra raccolta di suggerimenti che potreste trovare in libreria o sulla Rete, rispecchia il carattere dei due autori, che si amalgamano e completano a vicenda. Marco ci mette l’amore per il dettaglio tecnico, per la precisione a tutti i costi, per la verifica di ogni singola frase. Pino contribuisce con tutta la sua esperienza per la divulgazione, per la scelta dei vocaboli, per la scorrevolezza del testo; insomma, per un approccio giornalistico e quasi narrativo ad una materia che per sua natura si presta poco e niente a questo tipo di trattamento. Ecco il missing manual del Sistema Operativo XP. La guida, comprensibile e concisa, aiuta il lettore a far funzionare meglio il proprio computer e ad aumentare la velocità e l’efficienza del più versatile sistema operativo della Microsoft. Il testo è rivolto agli appassionati che vogliono spremere fino all’ultimo bit dal loro computer, ai professionisti che desiderano personalizzare il loro ambiente di lavoro, ai principianti desiderosi di sperimentare senza rischi. Lo stile discorsivo, le illustrazioni e l’abbondanza di note a piè pagina guidano il lettore alla scoperta dei segreti nascosti sotto il desktop.

Windows XP Service Pack 2 alla massima potenza

28 luglio 2009 1 commento

cover_xp2_idx

Windows XP Service Pack 2 alla massima potenza
Titolo
Editore
Autore
Prefazione
Pagine
ISBN
Livello
Data Pubblic.
Windows XP Service Pack 2 alla massima potenza
Mondadori Informatica
Pino Bruno, Marco de Salvo
Francesco Balena
240
88-04-53738-8
Per Tutti
ottobre 2004

 

INDICE COPERTINA
- Introduzione
- Prefazione
- Cap. 1 Service Pack 2: cosa cambia
- Cap. 2 La voce e gli attori di Windows XP
- Cap. 3 I programmi di supporto per Windows XP
- Cap. 4 Il “118″ di Windows XP
- Cap. 5 Dialogare col Registro di Sistema
- Cap. 6 Interventi ad effetto immediato
- Cap. 7 Il Registro al nostro servizio
- Cap. 8 Quanti XP ci sono?
- Cap. 9 Cosa ci aspetta dopo XP
- Biografia degli Autori
- Indice analitico
Preparati a vivere una nuova esperienza con lo straordinario sistema operativo Windows XP, arricchito dal Service Pack 2. Windows XP e’ una miniera inesplorata le cui risorse possono essere utilizzate per ottenere il massimo rendimento nel lavoro, nello studio e anche nel gioco. Questo libro ti aiuta ad andare oltre gli automatismi del sistema operativo, per renderlo duttile e ancora piu’ potente, scoprendo come si puo’ intervenire – senza fare danni – sul funzionamento del tuo computer. Con una nuova edizione, ancora piu’ ricca di contenuti e aggiornata, il testo contiene tutte le funzionalita’ introdotte dal Service Pack 2 italiano, quali: lavorare in rete in modo piu’ sicuro attraverso il centro di controllo che gestisce il nuovo Firewall e gli antivirus, rendere sicura e piacevole la navigazione in Internet con la scansione preventiva degli allegati di posta, degli ActiveX e dei pop-up, il rapporto tra Windows XP e il mondo senza fili (Bluetooth e Wi-Fi), il riconoscimento della voce e i software di supporto resi disponibili da Microsoft.
Numerose illustrazioni e spiegazioni dettagliate facilitano la comprensione delle operazioni da eseguire e rendo questo testo utile per chiunque voglia sfruttare al meglio questo sistema operativo.

 

PREFAZIONE (Francesco Balena) CONTENUTI
(…)questa prefazione è differente dal solito, in quanto è stata pensata durante, e non dopo, la stesura del libro. Pino e Marco sono dei cari amici, e ho potuto seguire da vicino la vicenda di questo libro, che inizialmente avrebbe dovuto essere “solo” la seconda edizione del fortunato Windows XP alla massima potenza, con piccole aggiunte e modifiche per adeguarlo al Service Pack 2. Poi le piccole aggiunte e modifiche sono cresciute in numero e dimensione, fino alla decisione di fare un libro completamente nuovo. E man mano cambiava anche la forma della prefazione che avevo in mente..(…)
(…)Agli strumenti di protezione ci ha pensato Micorsoft, con il Service Pack2 di Windows XP, il suo Security Center e gli update automatici. A fornirvi la conoscenza per usarli al meglio ci pensano Pino e Marco, con questo loro utilissimo libro (…)
Windows XP e’ una miniera inesplorata le cui risorse possono essere utilizzate per ottenere il massimo rendimento nel lavoro, nello studio e anche nel gioco. Questo libro ti aiuta ad andare oltre gli automatismi del sistema operativo, per renderlo duttile e ancora piu’ potente, scoprendo come si puo’ intervenire – senza fare danni – sul funzionamento del tuo computer.
- lavorare in rete in modo piu’ sicuro attraverso il centro di controllo che gestisce il nuovo Firewall e gli antivirus
- rendere sicura e piacevole la navigazione in Internet con la scansione preventiva degli allegati di posta, degli ActiveX e dei pop-up
- il rapporto tra Windows XP e il mondo senza fili (Bluetooth e Wi-Fi)
- il riconoscimento della voce e i software di supporto resi disponibili da Microsoft.
Numerose illustrazioni e spiegazioni dettagliate facilitano la comprensione delle operazioni da eseguire e rendono questo testo utile per chiunque voglia sfruttare al meglio questo sistema operativo.

Mouse? No grazie

24 luglio 2009 Nessun commento

cover_mouse_idx

Mouse? No grazie. Il libro delle scorciatoie di tastiera
Titolo
Editore
Autore
Prefazione
Pagine
ISBN
Livello
Data Pubblic.
Mouse? No grazie. Il libro delle scorciatoie di tastiera
Mondadori Informatica
Pino Bruno, Marco de Salvo
|
192
88-04-54202-0
Per Tutti
marzo 2006

 

INDICE COPERTINA
- Prefazione
- Cap. 1 Cara vecchia tastiera
- Cap. 2 Immettere caratteri di altri alfabeti con la stessa tastiera
- Cap. 3 Scorciatoie di Windows
- Cap. 4 Scorciatoie dei programmi base
- Cap. 5 Scorciatoie di Office 2003
- Cap. 6 Usare le “regular expression” di Word per trovare e sostituire testo
- Cap. 7 Conclusioni
- Cap. 8 Scorciatoie di tastiera per il web accessibile
- Indice Analitico
- Gli Autori
Si può fare a meno del mouse? Certamente no. Nessuno riuscirebbe più a vivere e lavorare senza questa importante appendice del PC, anche se non sempre usare il mouse migliora la velocità e l’approccio col computer. Lo scopo di questo libro è offrire un’alternativa per ridurre l’uso del mouse, riscoprire il fascino della tastiera, evitare noia e ripetitività, rendendo il tuo lavoro più veloce. A questo servono le scorciatoie di tastiera! Con semplicità e chiarezza: una vera e propria dattilografia digitale e una ginnastica per le dita, tutta da scoprire…

 

PREFAZIONE CONTENUTI
Una guida agile e completa per imparare a guidare il PC senza usare il mouse!
Molti programmi del mondo Windows si possono usare con la tastiera in modo più semplice e produttivo: si riduce lo stress del polso e si fa ginnastica con le dita.
In questo libro vengono descritte le numerose scorciatoie di tastiera presenti nel sistema operativo e nei principali programmi di uso comune. Il tutto arricchito da chiare illustrazioni e tabelle di riferimento.
Tra gli argomenti trattati: come scrivere in altre lingue con la tastiera italiana, come generare caratteri non presenti sulla tastiera, trovare e modificare il testo con le “regular expression” di Word, scorciatoie di tastiera per il Web accessibile, curiosità e scenari futuri delle periferiche di input. Tutto questo in un libro compatto e di facile consultazione, nella tradizione consolidata degli autori di numerosi best seller divulgativi. “Mouse? No grazie” si rivolge a tutti coloro che svolgono operazioni ripetitive con il mouse, per offrire una valida alternativa e insegnare un nuovo approccio al computer.

Emic USB

11 luglio 2009 Nessun commento

emic_idx

MESSA IN OPERA

La periferica è contenuta in una confezione di plastica trasparente. All’interno troviamo Emic, il manuale di istruzioni e il CD di installazione (in formato mini). L’alimentazione viene fornita dalla porta USB, quindi non ci sono batterie.
Il dispositivo è di tipo Plug and Play, si installa automaticamente non appena viene inserito nella porta USB. Viene riconosciuto come "periferica USB composita" denominata UAC3556B. A questo punto il microfono è già funzionante, ma per sfruttare appieno le sue caratteristiche occorre installare il software.
 

Il CD di installazione si avvia in automatico; se ciò non avviene occorre fare doppio clic sul file EMicMonitor USB Setup.exe contenuto nel CD. In Windows XP, viene generato un avvertimento per driver non certificato: cliccare su "Continua" senza problemi. A un certo punto il programma di installazione permette di aprire le proprietà audio del Pannello di controllo e di  settare manualmente la periferica di riproduzione dell’audio. Occorre modificare questa periferica  e selezionare la scheda audio del PC invece del chip UAC3556B.
Al termine dell’installazione, il programma propone un test per regolare la sensibilità del microfono. Contemporaneamente viene segnalata la presenza di aggiornamenti on-line. Vi consiglio di lasciare al massimo la sensibilità e di effettuare l’aggiornamento in un secondo momento. La fase finale prevede un test per verificare il funzionamento dei due pulsanti programmabili.

 

Anche se non richiesto, è bene riavviare il Sistema. Al riavvio, una nuova icona è presente accanto all’orologio: facendoci clic, si apre il pannello di gestione del microfono e dei documenti vocali.

AGGIORNAMENTO SOFTWARE

Tutti i prodotti "seri" propongono aggiornamenti software, per risolvere gli inevitabili "bug" riscontrati dagli utenti e per velocizzare le prestazioni dei prodotti. Emic non fa eccezione.
Al link http://www.gmb.nl/emic/emic.htm si può scaricare l’ultima versione del programma, facendo clic su EMIC-USB monitor. Dopo aver scompattato il pacchetto, si fa doppio clic sul file EMicMonitor_USB_Setup.exe. Occorre rispondere OK per disinstallare la vecchia versione del software e accettare i driver di periferica non certificati. L’aggiornamento rende più semplice la modifica della periferica audio di riproduzione, facendo clic su "Restore". Viene anche risolto un bug sulla selezione del formato audio, che permette la compressione in mp3 solo per le mail vocali. Dopo l’installazione dell’aggiornamento occorre riavviare il PC.
 

FOCUS SU MP3

Il nostro assistente vocale può registrare l’audio in due formati: mp3 e wav. La differenza più evidente è che un file wav occupa molto spazio rispetto ad un mp3. Il formato wav (contrazione di wave, onda) è nativo dei sistemi Windows. Si tratta di un audio PCM (pulse code modulation) senza compressione: un minuto di audio con qualità CD occupa circa 5 Mb su disco.
Il formato MP3 (contrazione di MPEG 1 – Layer 3) è invece audio compresso, frutto delle ricerche sulla "codifica psicoacustica dei segnali". In pratica vengono memorizzate solo le componenti del suono realmente percepite dal nostro orecchio, analizzando i segnali con modelli matematici. Come risultato finale un suono di un minuto con qualità CD occupa solo 450 Kb (con un rapporto di compressione di 1 a 11 rispetto al PCM). La compressione migliora ancora se registriamo solo la voce, che occupa una minore banda di frequenze audio (da 2000 a 8000 Hz). Per operare questa magia sui suoni, si usano appositi software di analisi e codifica del segnale, chiamati "encoder", che generano il file MP3 a partire dall’audio PCM non compresso. Esistono numerosi encoder, tra questi il L.A.M.E. (usato da Emic USB) è uno dei migliori in termini di qualità e velocità di codifica. E’ importante notare come la dimensione finale di un MP3 non è legata solo al tempo di registrazione: a parità di durata, un parlato recitativo (ricco di sfumature e di variazioni di intensità), occupa più spazio rispetto alla lettura di una lettera commerciale (tono costante e scarse variazioni di intensità).

Per chi desidera approfondire l’argomento della codifica e compressione, con particolare riferimento al video, consiglio la lettura del libro "Dal DVD al CD con un clic".

COME SI USA

Il bello di Emic è la sua estrema semplicità d’uso. Il pulsante di registrazione (simbolo della cassetta audio) è del tipo acceso/spento. Si attiva con un clic e inizia a registrare, con un altro clic termina la registrazione. Il pulsante della posta vocale (busta da lettera) registra finchè si tiene premuto e quando si rilascia apre la e-mail con allegato audio già inserito.
Le funzioni dei pulsanti sono programmabili, si può anche disattivare un pulsante settandolo su "Undefined". Le varie sezioni del Pannello di comando, sono divise in modo chiaro e non presentano complicazioni.

 

CANCELLAZIONE DEL RUMORE E RICONOSCIMENTO VOCALE

Il microfono ha una levetta posta sul bordo esterno che serve a selezionarne la direttività. Per registrare suoni ed allegati vocali, conviene usare la posizione "omnidirezionale", che registra bene anche a distanza di 50 cm dall’utente.
Per il riconoscimento vocale occorre spostare la levetta sulla posizione "direttivo". In questo modo vengono schermati i suoni laterali, a tutto vantaggio della pulizia dell’audio. I migliori risultati si ottengono con il microfono in asse rispetto alla bocca, a circa 15 cm di distanza. Chi è interessato alla configurazione dei servizi di riconoscimento vocale e vuole approfondire l’argomento, può consultare il mio articolo "Windows XP e la sintesi vocale", pubblicato su Tom’s Hardware Guide Italia, al seguente link
http://www.tomshw.it/software.php?guide=20040607
Una trattazione più completa è contenuta nel volume Windows XP Service Pack 2 alla massima potenza ( http://www.marcodesalvo.it/books.htm ).

CONCLUSIONI

Questo accessorio per PC si discosta nettamente dai numerosi microfoni giocattolo venduti per pochi euro. Si tratta di un microfono attivo a condensatore, alimentato dalla porta USB, con un’ottima risposta in frequenza e una buona schermatura dai rumori di fondo. Al suo interno il chip UAC3556B effettua la conversione analogico/digitale del segnale e fornisce al PC un flusso di dati pronto all’uso, senza bisogno di schede audio. La registrazione e la posta vocale si attivano premendo due soli pulsanti, i documenti audio vengono gestititi in modo semplice ed intuitivo. Se vogliamo dare voce al nostro lavoro, Emic USB è una soluzione vincente.

Ringrazio Nicoshop per il campione di test e vi rimando al link diretto per Emic USB:
http://www.nicoshop.com/cat071.html