Archivio

Posts Tagged ‘satellite’

Garmin nüvi 310

28 luglio 2009 5 commenti

nuvi_idx_smLa nuova filosofia della navigazione assistita è disporre di strumenti multimediali sempre più completi e versatili. Anche Garmin aderisce a questa tendenza, con un sistema completo per viaggiare.
La dotazione completa è: navigatore con custodia in ecopelle, manuali completi multilingue, cavetto USB per il computer, ventosa di aggancio per il vetro dell’auto, dischetto adesivo per il fissaggio sul cruscotto, alimentatore per auto.
La cartografia del territorio italiano è preinstallata nella memoria interna del navigatore, quindi non c’è pericolo di perdere i dati anche in caso di reset del sistema.

 

L’aspetto del nüvi 310 è molto compatto paragonabile a un computer palmare. Anche il peso di circa 140 grammi, lo rende facilmente trasportabile in un taschino. Le ridotte dimensioni non impediscono di avere uno schermo ben leggibile in qualsiasi condizione di luce e una perfetta ricezione dei satelliti. Quando si parla di Garmin, si parla di uno dei leader mondiali nella navigazione assistita, famoso nel mondo per la precisione dei suoi strumenti. Anche la qualità dell’audio è ben presente senza distorsioni, nonostante le ridotte dimensioni dell’altoparlante. Lo slot per schede SD apre le porte alla multimedialità e permette di avere al seguito musica e immagini.

VISTA DI INSIEME

Il pulsante di accensione e i connettori sono posizionati in modo ottimale e facilmente accessibile. L’antenna è del tipo flip, può essere ruotata in varie posizioni e supporta un plug per collegare una antenna esterna. Quando l’antenna si trova in posizione di risposo, il ricevitore GPS è spento ma tutte le funzioni multimediali sono disponibili. In questo modo si risparmiano le batterie e si sfrutta meglio la multimedialità soprattutto a piedi.
La possibilità di connettere un telefono cellulare Bluetooth rende molto versatile questo navigatore, sia nella guida veicolare che a piedi. L’accoppiamento col telefono è semplicissimo, la qualità del vivavoce è perfetta, sia per chi parla che per chi ascolta. L’audio in uscita dalla presa per cuffia ha sempre una buona qualità e permette un uso discreto del dispositivo anche in ambienti rumorosi.
Il fissaggio della staffa a ventosa non presenta problemi e permette di alimentare il navigatore durante l’uso in auto. Il dischetto adesivo incluso nella scatola, permette di fissare la ventosa in modo permanente, per avere una tenuta perfetta (ad esempio nel caso di fuoristrada o vibrazioni elevate).

 

USO E FUNZIONAMENTO

Si preme per qualche secondo il pulsante di accensione e lo schermo si illumina. La disposizione delle icone sul display è intuitiva, dopo qualche minuto si riesce a navigare senza problemi nelle varie voci di menu. Durante l’acquisizione dei satelliti, viene mostrato il grado di accuratezza raggiunto e la posizione dei vari satelliti visibili. Come si vede dalle immagini si raggiungono notevoli precisioni teoriche, questo si traduce in una serie di indicazioni molto vicine alla reale cartografia stradale. La ricezione avviene senza problemi anche col cielo nuvoloso o in caso di pioggia e si mantiene sufficiente nei vicoli dei centri storici (dove le case oscurano la visibilità dei satelliti). Laddove presente (vedi riquadro sotto) è possibile attivare il sistema
di correzione errori WAAS/EGNOS per ottenere precisioni molto elevate.

L’ora esatta viene prelevata direttamente dai satelliti, quindi è molto precisa. Questa caratteristica, non presente in altri navigatori, ha un impatto positivo sui calcoli dei tempi di
percorrenza e sulle misure operate dal computer di bordo. La cartografia viene mostrata con chiarezza e ricchezza di punti di interesse. Il dettaglio delle strade e la qualità dei percorsi
visualizzati è ben leggibile, con funzioni di zoom automatico e viste 3D sempre adeguate.


 

Il display sensibile al tocco risponde rapidamente ai comandi e presenta un buon trattamento antiriflesso. Anche le visualizzazioni diurna/notturna sono ben realizzate, con una luminosità più che sufficiente. L’audio è ben comprensibile, con una discreta resa anche al massimo volume e una serie di indicazioni molto dettagliate e sempre vicine al percorso.

STRUTTURA DEI MENU
Dalla schermata di apertura, si accede alle tre sezioni di menu che controllano i vari aspetti di funzionamento. Una serie di icone
aiutano l’utente nella scelta delle funzioni disponibili. Tutti i menu sono ben tradotti nelle varie lingue disponibili.
Le funzioni relative ai POI (Punti di interesse) sono complete e ben strutturate.

Una funzione utilissima è la possibilità di immettere le coordidate geografiche di un luogo (latitudine e longitudine), in modo da trovarlo sulla mappa. Tutti i navigatori dovrebbero avere questa funzione a bordo.

 

 

Il menu Kit da Viaggio è molto ricco di funzioni, dal dizionario per le lingue straniere alla guida delle località da visitare.
Anche la funzione di lettura degli audiolibri è comoda per godere del piacere della lettura senza distrarre lo sguardo.
Completano gli accessori un lettore MP3, un visualizzatore immagini che fa anche lo slideshow, un valido orologio con i fusi orari, due convertitori e la sempre utile calcolatrice. Questi accessori diventano indispensabili non appena si comincia ad usarli e fanno la differenza tra i vari navigatori.

WAAS & EGNOS PER AUMENTARE LA PRECISIONE

Il sistema GPS si basa su una rete di satelliti in orbita (maggiori chiarimenti nella mia recensione sul navigatore TomTom Mobile:
http://www.marcodesalvo.it/tom-tom-mobile-5.html)
I segnali provenienti dai satelliti sono disturbati da numerosi fattori atmosferici che degradano la precisione e causano perdite di segnale.
Per avere una precisione elevata è stato ideato il sistema americano WAAS (Wide Area Augmentation System) che usa satelliti geostazionari  e stazioni radio terrestri per correggere gli errori di posizione introdotti dai satelliti GPS. Quando il navigatore aggancia il sistema  WAAS, la precisione raggiungibile arriva a 2 metri, sufficiente per far atterrare un aereo senza pilota!

Il sistema europeo equivalente al WAAS, si chiama EGNOS (European Geostationary Navigation Overlay System) e offre le stesse caratteristiche di precisione.
Esiste anche un sistema asiatico (MSAS) ma copre una zona più ridotta e non viene agganciato dal Garmin.

Per riconoscere i nuovi satelliti WAAS o EGNOS, il navigatore ha bisogno di circa 15 minuti di tempo, durante i quali occorre stare fermi in una zona con ampia visibilità del cielo.

 

SICUREZZA E USABILITA’

Durante la guida è facile distrarsi se si concentra l’attenzione sui menu di navigazione. Il Modo Sicuro impedisce queste distrazioni: si aggancia alla velocità del veicolo e permette di operare solo a veicolo fermo (velocità 0 Km/h).

Altro elemento di grande utilità è il Garmin Lock, un sistema antifurto basato su codice PIN (in modo analogo ai telefoni cellulari) che impedisce l’uso in caso di furto.
Accanto a questa funzione di sicurezza è possibile comunicare a Garmin il furto di un navigatore in modo da bloccare qualsiasi forma di assistenza tecnica o riparazione in Europa. Il link italiano per questo servizio è:
http://www.garmin.it/supporto_unita_rubate.php

Sul fronte dell’usabilità, il nüvi 310 ha una buona grafica e una impostazione dei percorsi in linea con i suoi concorrenti.
Si possono scegliere preferenze di rotta relative al mezzo usato (auto, a piedi, camion, ecc.) al minor tempo, alla distanza
più breve, impostare percorsi a tappe e cercare alternative in tempo reale.
Il trip computer offre una visualizzazione completa di tutti i parametri del nostro viaggio, ben organizzati e ben leggibili.
La cartografia può essere regolata su vari livelli di dettaglio e zoom. Gli itinerari testuali, vengono illustrati in modo chiaro
e ben visibile.
La rappresentazione del nostro veicolo è di grande effetto (quasi da videogame) e si possono scaricare da Internet veicoli
personalizzati con viste 3D.

Il servizio di informazioni sul traffico è basato sul canale TMC (Traffic Message Channel) presente nei dati RDS della radio. Per ricevere queste informazioni è necessario avere un kit di ricezione con antenna FM e sintonizzarsi sulle stazioni che
erogano il servizio. E’ bene informarsi presso il produttore sulla reale disponibilità di questo servizio gratuito.

 

CONNESSIONE AL COMPUTER 

 

Il Garmin nüvi 310 è un dispositivo Plug & Play. Si connette al computer col suo cavetto USB e viene rilevato in pochi secondi. In caso di
presenza di una scheda SD nello slot di espansione, viene visualizzata anche la relativa icona. La navigazione all’interno della memoria
del dispositivo è ben strutturata, con una serie di cartelle che contengono i vari dati multimediali. E’ presente anche un manuale di istruzioni
completo in formato Acrobat.

Gli aggiornamenti della cartografia e dei POI, vengono effettuati con apposite utilità di sistema. Per i POI si può usare PoiLoader, per la cartografia si può usare MapSource.
I link diretti per questi software sono presenti alla fine della recensione.

 

LA GAMMA DI PRODOTTI GARMIN

Il modello in prova, fa parte di una grande famiglia di prodotti, che vanno dai navigatori tascabili usati dagli escursionisti estremi
in giro per il mondo, ai sistemi per la nautica e per l’aviazione. Tra i navigatori stradali il top della gamma con tutte le strade d’Europa
a bordo è il  nüvi 660T Bluetooth Europa.
Tra i prodotti pensati per la nautica, il volo e usi professionali il  GPSMAP 276C offre numerose funzioni e grande precisione.
Il Geko 201 è uno strumento per escursionisti, portatile e resistente alle intemperie, un oggetto molto utile per ritrovare la strada di casa.
Un navigatore super completo per tutti gli usi professionali è il nuovo  GPSMAP 496, visibile sul sito americano di Garmin.

 

CONCLUSIONI E LINK UTILI

Un buon prodotto per la navigazione assistita, dotato di utili funzioni multimediali, con ottime caratteristiche di ricezione dei satelliti.
In attesa di un futuro dove tutti i telefoni cellulari avranno il loro navigatore GPS, il nüvi 310 si presenta come un fedele compagno
di viaggio per tutte le stagioni…
Di seguito alcuni link utili:

Homepage di Garmin:
http://www.garmin.com/

Garmin Italia:
http://www.garmin.it/

Pagina USA del nüvi 310:
http://www.garmin.com/products/nuvi310/

Pagina Italia del nüvi 310:
http://www.garmin.it/prodotti.php?codice=GN310

Lista dei telefoni cellulari Bluetooth compatibili con il sistema vivavoce del nüvi 310. Selezionare la marca del telefono e
il modello. Fare clic su GO per accedere alle specifiche di compatibilità.
http://www.garmin.com/bluetooth/phones.jsp

Accessori disponibili e cartografia
internazionale:
http://www.garmin.it/accessori.php?codice=GN310

Aggiornamenti software disponibili in italiano:
http://www.garmin.it/software.php?codice=GN310

FAQ italiano (di ottima qualità):
http://www.garmin.it/faq.php?codice=GN310

Installazione veicoli personalizzati:
http://www.garmin.com/vehicles/index.jsp

MapSource, software per importare e modificare la cartografia elettronica:
http://www.garmin.com/support/download_details.jsp?id=209

POI loader, utilità per caricare POI di terze parti:
http://www.garmin.com/products/poiloader/

 

Il GPS e i suoi concorrenti

1 luglio 2009 4 commenti

gps_constellation

Nascita della navigazione col Satellite

Il primo satellite del sistema NAVSTAR GPS (NAVigation Signal Timing And Ranging Global Positioning System) fu lanciato nel febbraio del 1978 dal Dipartimento della Difesa Americano. Posto in orbita circolare a circa 20000 Km di altezza con un periodo di rotazione di circa 12 ore, fu presto seguito da altri lanci. Nel 1995 i 24 satelliti del sistema globale erano operativi. Da allora, nuovi satelliti sono stati lanciati, per rimpiazzare i vecchi (ogni satellite “vive” in media 7 anni) e per aumentare la precisione del sistema.
Per la gioia degli appassionati vi suggerisco il seguente link: http://www.navcen.uscg.gov/gps/default.htm

 

A breve distanza dal lancio americano, anche i russi misero in orbita la loro costellazione di satelliti. Il sistema si chiama GLONASS (GLObal NAvigation Satellite System), possiede caratteristiche simili al GPS, orbita a circa 19000 Km, ma è degradato dalla mancanza di satelliti nuovi in sostituzione di quelli fuori uso. A causa delle difficoltà economiche della Russia, solo alcuni dei 24 satelliti richiesti è in funzione. Ma le cose stanno combiando, grazie anche ad accordi del governo russo con l’India. Si prevede un ripopolamento del sistema nel giro di pochi anni.

Per maggiori informazioni e per conoscere lo stato della costellazione GLONASS vi rimando al seguente link: http://www.glonass-center.ru/
Anche l’Europa avrà il suo sistema di navigazione satellitare. Nel 2008 dovrebbe essere operativo il progetto GALILEO, con 30 satelliti posti a circa 24000 Km di altezza. Le tecniche costruttive e di trasmissione consentiranno una copertura maggiore del territorio e uno scarto nell’ordine del metro.
Questo è il link del sistema europeo: http://www.esa.int/esaNA/galileo.html

 

Tre sistemi non sono troppi ?

Qualcuno si chiederà quali vantaggi offrono tre sistemi di satelliti che fanno la stessa cosa. I vantaggi sono notevoli: più satelliti si ricevono, maggiori sono la precisione e la rapidità di rilevamento. La navigazione aeronautica ad esempio, richiede margini di errore bassissimi per operare con velocità elevate. Con una ottantina di stelle nel cielo (i tre sistemi satellitari a regime), si otterrebbe un sistema preciso al centimetro.
L’unico ostacolo all’uso di più costellazioni satellitari è che ognuna opera con frequenze radio e parametri differenti. Occorre quindi un ricevitore multibanda oltre che multi-satellite. Ma la tecnologia ci ha abituato a ben altre meraviglie, tanto che già oggi sono in commercio ricevitori GPS+GLONASS.
Ultimo aspetto ma non meno importante, non dimentichiamo che le varie costellazioni di satelliti sono gestite dai rispettivi governi, che controllano la disponibilità del servizio e potrebbero oscurarlo per motivi di sicurezza. Da questo punto di vista GALILEO dovrebbe offrire maggiori garanzie, perché nasce per esclusivo uso civile.
In attesa delle mosse dei suoi concorrenti, il governo USA continua a destinare notevoli risorse economiche per mantenere efficiente il GPS. Le orbite dei satelliti devono essere costantemente corrette da terra, per mantenere la precisione necessaria; gli orologi atomici posti a bordo di ciascun satellite devono essere sincronizzati perfettamente tra loro; i vecchi satelliti vanno rimpiazzati costantemente. Se non ci fosse questa manutenzione il sistema diverrebbe inutilizzabile in pochi giorni!
Per questa indiscussa affidabilità quasi tutti i navigatori satellitari fanno riferimento esclusivamente alla costellazione NAVSTAR GPS, tanto che il termine “navigatore GPS” è sinonimo di navigatore satellitare.

 

Come funziona il GPS

Il funzionamento dei sistemi di navigazione satellitare è concettualmente semplice. I satelliti trasmettono una sequenza di impulsi verso la terra. Gli

gps_trilateration

impulsi contengono informazioni sulla posizione del satellite, sull’istante preciso in cui l’impulso è partito e sulla posizione degli altri satelliti. A differenza dei normali ricevitori satellitari, un ricevitore GPS può agganciare molti satelliti contemporaneamente. Conoscendo la velocità con cui viaggiano gli impulsi (la velocità della luce), si possono misurare le distanze tra i satelliti e il ricevitore. Il confronto dei tempi di ricezione di tre satelliti rispetto alla loro posizione, consente di stabilire le coordinate del ricevitore usando il metodo geometrico della trilaterazione. Un quarto satellite è necessario per sincronizzare l’orologio del ricevitore con l’orologio atomico dei satelliti (che ha una precisione molto elevata). In pratica tutti i vantaggi del GPS dipendono dalla precisione con cui viene sincronizzato il tempo tra satelliti e ricevitore.

La posizione e il numero dei satelliti in orbita permette una copertura globale di tutto il pianeta. Un ricevitore a terra “vede” sempre almeno 4 satelliti, ma generalmente ne riceve non meno di 6. Il tipo di trasmissione ad impulsi codificati permette di coprire una vasta area usando antenne riceventi non direttive (le antenne non direttive possono ricevere da molte direzioni; le antenne direttive ricevono da una direzione precisa come ad esempio le parabole) molto compatte.

Categorie:NEWS Tag: , , , ,